Ultimo giorno di scuola, Selena: “Non tornerò più al Morvillo”

morvillo-falcone-brindisi

BRINDISI – “Per noi lui non è una persona, non esiste”. C’è anche lei, Selena Greco, l’ultimo giorno di scuola, una delle cinque ragazze rimaste ferite quel terribile 19 maggio fuori dalla scuola Morvillo Falcone, all’autore della strage non vuol degnare nessuna considerazione, ‘non esiste’. Ma lei qui, in questa scuola non vuol più tornare, troppi ricordi, quelli istanti maledetti, la sua amica Melissa. Al banco senza Melissa non  vuol più sedersi.

Selena ce l’ha fatta, ma difficile tornare alla vita di tutti giorni,  è accerchiata dall’affetto dei suoi cari e dei suoi amici. Intorno a lei l’affetto di tutta la comunità, ora è figlia e sorella un pò di tutti qui in questo lembo d’Italia. La forza e la dignità nei suoi occhi.

Finisce così questo anno scolastico 2011-2012 con un lungo applauso che racchiude rabbia e coraggio. Con questa targa scoperta l’ultimo giorno di scuola nel cortile dell’Istituto Morvillo Falcone dedicata a Melissa Bassi, a questa giovane studentessa che ha perso la vita per un gesto che non ha ancora una spiegazione, almeno non una ancora credibile. È stata proprio  Selena a scoprire la targa, poi un lungo applauso.

 A pochi passi un altro pezzo di marmo quello dedicato a Francesca Laura Morvillo Falcone, Melissa e Francesca due donne innocenti morte a causa della cattiveria umana. Qui a scuola in pochi vogliono parlare, i ragazzi sono schivi alle telecamere, ma tra i tanti  docenti, c’è l’insegnante di francese di Melissa, racconta di averle scritto una poesia: “Come una stella che veglia su di noi”.

Così le lezioni finiscono, un anno si chiude con amarezza e  nulla sarà più come prima. Intanto il responsabile della scuola che ha sostituito il Preside Alfredo Rampino, ormai lontano dagli Istituto da giorni, il professor Serratì spiega di essere in contatto quotidianamente con il Ministero, il progetto è quello di creare al Morvillo Falcone una summer school, una scuola estiva per continuare a lavorare  con i ragazzi, per coltivare la sicurezza e il senso di appartenenza.

In questo ultimo giorno di scuola tra gli studenti c’era anche il Presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese, ha lanciato un segnale di vicinanza: “Sono fiero di voi – ha detto Ferrarese – sarò vicino a questa scuola e a queste famiglie. Ringrazio il Procuratore Di Napoli e le nostre forze dell’ordine che con il loro intervento si è impedito che si facesse terrorismo su questo territorio”.

di Lucia Portolano